lunedì 28 maggio 2012

Applicazione: saldatura di lavelli in acciaio inox con procedimento CMT Advanced

Di norma, per la saldatura dei lavelli, si opera con i procedimenti TIG e/o Plasma. Questi processi consentono di ottenere un'estetica eccellente del cordone di saldatura perchè, tra i vantaggi che li caratterizzano, apportano poco materiale sulla superficie. Tuttavia con la saldatura TIG e Plasma non sempre si può procedere con ripetitività di produzione a causa dei lembi lamiera non accostati nel modo corretto, per esempio: stampaggio non idoneo, geometria della piega errata, spessori troppo sottili, gap non uniformi ed inoltre si è vincolati a mantenere uno stick-out costante. Per evitare queste limitazioni e semplificare la fase di saldatura, consigliamo di utilizzare il processo Fronius CMT, che grazie al sistema di controllo meccanico dei cicli di frequenza e il ridotto apporto termico, riesce a coprire un gap di oltre il 50% dello spessore della lamiera da saldare. Il processo CMT consente di abbattere in maniera significativa i tempi di saldatura (fino al 50% in meno!) e permette di saldare con uno stick-out fino a 15 mm e più. A seguito le foto del "prima" e "dopo" saldatura, lo stick-out e il video.



Per ulteriori info: moreno.grandi@arroweld.com
Moreno Grandi

Nessun commento:

Posta un commento